A cura di Stefano Zampieri
responsabile di Zona Filosofica

martedì 11 dicembre 2018

Il tempo della complessità

"Dobbiamo superare l'orizzonte di ogni prospettiva che si definisca astrattamente a partire da un nucleo di verità fondamentali su cui basare scelte e decisioni. Dobbiamo elaborare, invece, un pensiero complesso che si muova nella consapevolezza (nel rispetto e nel valore) dell'irriducibile molteplicità di dimensioni interconnesse (complementari e talvolta anche fra loro antagoniste) da cui emerge l'universo umano, e in cui sono immerse l'etica, la politica, la tecnologia, la scienza. Si tratta di sviluppare un pensiero complesso capace di concepire la molteplicità, l'irriducibilità e la coevoluzione dei punti di vista, e capace di contrastare ogni rapporto con il sapere che presupponga un luogo fondamentale di osservazione dal quel giudicare, e talvolta oltraggiare, tutto ciò che non entri nella propria prospettiva." 

[M. Ceruti, Il tempo della complessità, Milano, Raffaello Cortina, 2018]

Nessun commento:

Posta un commento